a cura di: Fiorentino Francesco , Valentini Valentina

Brecht e la fotografia

0 Valutazione
stato: Disponibile
Collana: Biblioteca teatrale/Videoteca teatrale/11
Argomento: Arti Visive-Fotografia
anno: 2015
, pagine: 230

ISBN: 978-88-7870-982-9
18,00 €
15,30 €
Risparmi:
2,70 €
 Torna a: Arti visive-Fotografia

La scrittura di Brecht dialoga costantemente con la fotografia. I saggi raccolti in questo volume indagano da punti di vista diversi e con tagli diversificati i vari aspetti di questo dialogo.
Brecht considera le immagini fotografiche come «materiale» per costruire processi di conoscenza. Nel suo Diario di lavoro troviamo incollate tante immagini ritagliate da riviste e giornali. Da qui nascono i foto epigrammi raccolti in L'Abicì della guerra, un capolavoro di questo genere intermediale. Nella sua pratica teatrale, Brecht utilizza la fotografia per sfruttare l'effetto di straniamento che le è proprio: essa ispira una poetica dell'interruzione che nega l'illusione di una continuità, di nessi naturali tra i fatti e richiede allo spettatore un giudizio, una riflessione, una presa di posizione. Non sorprende perciò il grande uso di immagini fotografiche che Brecht fa nei suoi lavori: esse non sono però solo un medium messo in scena, ma anche un medium della messa in scena. Vengono utilizzate durante le prove per inseguire quei «gesti di base» che condensano le relazioni sociali agite dai personaggi. Brecht fa scattare centinaia di foto per fissarli e poterli esaminare e poi riprodurre correggendoli, proponendoli poi come modelli da modificare. Così nascono i Modellbücher, fatti non tanto per documentare il suo teatro, quanto per sollecitare la produzione di un nuovo teatro: i posteri sono invitati a «inventare variazioni del modello».

Prefazione di Francesco Fiorentino
Gunther Heeg, Reenacting Brecht! Rendere produttivo il fantasma della fotografia nel lavoro teatrale di Brecht!
Valentina Valentini, Truth is Concrete: la fotografia per rifondare la pratica teatrale
Francesco Fiorentino, Brecht e la letterarizzazione della fotografia
Helga Finter, L'ascolto della foto: da Brecht a Wilson
Giacomo Daniele Fragapane, Qualcosa di vero. La Kriegsfibel tra storia della fotografia e teoria della storia
Luca Di Tommaso, Brecht, Barthes e la fotografia
Gianluca Paolucci, Brecht, Junger e la fotografia in guerra
Giulia A. Disanto, A proposito di fotografia e montaggio. Bertolt Brecht e la sperimentazione artistica del Dadaismo berlinese
Dora Rusciano, Uso politico e funzione sociale della fotografia. Su Brecht e Tucholsky
Simone Costagli, La macchina da scrivere, le forbici e la colla. Le immagini dialettiche nel Journal di Bertolt Brecht
Milo Adami, Gli attraversamenti leggeri di Bertolt Brecht

Lascia una tua recensione

Lascia una tua recensione
Hai letto questo libro? vuoi lasciare una tua recensione? iscriviti al sito e accedi con il tuo utente e la tua password per scrivere un tuo commento.
Grazie