Schechner Richard
a cura di: Jovićević Aleksandra

Il nuovo terzo mondo dei performance studies

0 Valutazione
stato: Disponibile
Collana: Biblioteca Teatrale/Estetica e politica della performance
Argomento: Teatro e Critica teatrale
anno: 2017
, pagine: 240

ISBN: 978-88-6897-058-1
20,00 €
20,00 €
 Torna a: Teatro e critica teatrale

Il nome di Richard Schechner è abbastanza noto in Italia. Il nuovo terzo mondo dei performance studies è infatti la terza raccolta dei suoi scritti pubblicata in italiano, dopo i libri curati da Valentina Valentini (Bulzoni, 1984) e da Fabrizio Deriu (Bulzoni, 1999).
Nel presente volume, diverse dimensioni performative si intrecciano in una ricerca animata da grande passione teorica, sempre nutrita dalla prassi artistica e pedagogica. Schechner è un teorico diverso dagli altri: si interroga continuamente su quanto abbiano ricevuto in eredità i giovani artisti e teorici che sono stati marginalizzati dalla storia insieme a quei vecchi esponenti della neoavanguardia ritiratisi – davanti alla politica del potere e all’aggressività del mercato – da tutte le battaglie politiche e culturali.
Come accade nel caso di ogni pensiero radicale o radicalizzato, anche nella teoria della performance di Schechner ritroviamo un’autentica dimensione politica, che si manifesta nel sogno che l’arte possa davvero cambiare qualcosa, che la teoria possa avere un impatto reale fuori dalle accademie e che possa influenzare un cambiamento di paradigma.
Schechner appartiene a quel raro gruppo di intellettuali che si sono assunti la responsabilità di opporsi alle ingiustizie del mondo odierno e di combattere per la sua normalizzazione, nella convinzione che artisti e teorici debbano sempre schierarsi dalla parte dei più deboli. Schechner rimane un intellettuale rigorosamente indipendente, portatore di una visione appassionata della società e dell’arte, capace di comunicare le sue idee estetiche e politiche con una scrittura teorica limpida e convincente.

Introduzione.Il nuovo terzo mondo dei performance studies di Aleksandra Jovićević
Gli anni Sessanta, TDR e i Performance Studies. Dall’intervista di Anna Bigotte Vieira e Ricardo Seiça Salgado nel 2009, rivista da Richard Schechner nel 2014
Rasaestetica
L’avanguardia conservatrice
Ferite autoinflitte. Arte, rituali, cultura popolare
L’11 settembre come arte d’avanguardia?
I “punti di contatto” riconsiderati 
Saremo noi il (Nuovo) Terzo Mondo?
Indice dei nomi

Lascia una tua recensione

Lascia una tua recensione
Hai letto questo libro? vuoi lasciare una tua recensione? iscriviti al sito e accedi con il tuo utente e la tua password per scrivere un tuo commento.
Grazie